Articolo di :

Luca Barioglio

NASCE ANIMA, LA NUOVA BICICLETTA IN TITANIO CHE ESPRIME L’ESSENZA DE ROSA. 1024 576 Luca Barioglio

NASCE ANIMA, LA NUOVA BICICLETTA IN TITANIO CHE ESPRIME L’ESSENZA DE ROSA.

Firenze, 14 Aprile 2018
Si è svolta nel centro storico di Firenze, a pochi passi dalla cattedrale di Santa Maria del Fiore, la presentazione di Anima, nuova bicicletta De Rosa in grado di unire tradizione e visione futuristica. Cristiano e Danilo De Rosa scelgono quindi la città dell’arte per presentare ai propri fan e appassionati, molti dei quali sopraggiunti in occasione della Granfondo Firenze De Rosa, ogni dettaglio tecnico e concettuale di questo nuovo progetto.
Anima non è solo una bicicletta, ma è ciò che più rappresenta oggi la visione del Brand di Cusano Milanino.

LA NUOVA ANIMA DE ROSA
Una sola parola scelta per esprimere il frutto della lavorazione del titanio che da oltre 25 anni rappresenta l’eccellenza del brand del Cuore. Anima nasce da qui, dalla volontà di tradurre in prodotto la visione e la cultura telaistica di De Rosa.
A chi si chiede cosa sia Anima possiamo dire che:
Anima è l’essenza del credo di De Rosa unita alla miglior tecnologia disponibile in questo momento.
Anima è un progetto che nasce con la volontà di esprimere la cultura telaistica italiana unendola alla geometria e alla sartorialità della bicicletta, da sempre alla base della nostra etichetta Black Label.
Anima è la massima espressione della costruzione di telai in titanio, che da 25anni rappresenta il cuore pulsante delle lavorazioni De Rosa.
Anima è voler guardare il presente con uno sguardo proiettato sul futuro, senza tralasciare nulla di quanto in 65 anni è stato fatto.
Anima è l’unione del nuovo che avanza con la nobiltà del titanio e la scelta migliore dei componenti.
Anima è autentica, sincera e vera.
Anima è De Rosa.

IL PENSIERO DI CRISTIANO DE ROSA
Queste le parole con cui Cristiano De Rosa descrive le proprie sensazioni in merito al concetto che Anima esprime e la sua concreta realizzazione: “Sono particolarmente emozionato di aver presentano in una location così esclusiva Anima, la bicicletta che più di tutte reincarna l’essenza di De Rosa. La tradizione della cultura telaistica italiana, unita alla rivoluzione tecnologica Campagnolo del Super Record a 12 velocità, crea una sintonia autentica, fortemente presente ma in grado di “anticipare” il domani. Da 25 anni la lavorazione del Titanio rappresenta il fiore all’occhiello della produzione De Rosa, che tramandiamo di generazione in generazione con passione e dedizione. Farlo rivivere in chiave moderna mi affascina.
Non è facile esprimere a parole il sentimento che questo prodotto è in grado di generare, ma lo considero come un vero e proprio regalo che ho deciso di fare a me, al brand De Rosa e a tutti i clienti”.

SCHEDA TECNICA DI ANIMA
La scheda tecnica di Anima parte ovviamente dal suo telaio, realizzato in Titanio e che rappresenta il risultato finale di 25 anni di lavorazione di questo metallo. Così come tutti i telai in titanio De Rosa può essere prodotto interamente su misura, seguendo le geometrie di ciascun cliente e rientrando sotto l’etichetta Black Label, identificativa del Tailor Made di Cusano Milanino.
Nel dettaglio il telaio è cosi composto: Tubazione Titanio 3. 2,5. Tubo sella diametro da 35 a doppio spessore. Tubo orizzontale diametro da 35 a triplo spessore. Tubo obliquo diametro da 40 a triplo spessore.
Triangolo posteriore: posteriore verticale biconico all’apice diametro 16, al centro diametro 19 (quindi 16-19-16).
Forcellini posteriori Titanio grado 9 Reynolds su disegno De Rosa.
Scatola movimento press fit 86.5 x 41.
Tubo sterzo ricavato dal pieno lavorato da un solido in cnc diametro 45 cilindrico. Tutto il materiale è in grado 9.
Il carro posteriore basso rappresenta un ulteriore caratteristica distintiva in Anima che dona quel tocco di “Nuovo classico” fortemente voluto da Cristiano e Danilo De Rosa.
Anche la scelta dei componenti è stata curata nei minimi dettagli per conferire ad Anima il carattere deciso e performante di ogni bicicletta con il Cuore. Dispone infatti di un’impianto frenante a disco e del rivoluzionario Cambio Campagnolo Super Record a 12 velocità.

Non bisognerà attendere molto prima di poter toccare con mano ogni singola finitura di Anima. Sarà infatti disponibile in commercio a partire da fine maggio 2018.

EDUARD GROSU TRIONFA IN CROAZIA 1024 682 Luca Barioglio

EDUARD GROSU TRIONFA IN CROAZIA

Eduard Grosu vince al Tour of Croatia, in sella alla sua Protos De Rosa. L’atleta della NIPPO Vini Fantini Europa Ovini trionfa davanti a Nizzolo (Trek) e Minali (Astana).

Zara (Croazia) – 18 Aprile 2018

L’amarezza del terzo posto raggiunto nella tappa inaugurale si trasforma presto in vittoria per Eduard Grosu, che vince in volata la seconda tappa del Tour of Croatia e conquista la maglia di Leader della classifica generale. Una volata di grinta e di forza a testimonianza della buona condizione fisica in cui si trova il velocista romeno e alla voglia di raggiungere questo risultato. Lo spagnolo Juan José Lobato, prezioso alleato di Eduard Grosu nelle fasi finali del percorso, si aggiudica il quinto posto di giornata. Per il team NIPPO Vini Fantini Europa Ovini si tratta della prima vittoria stagionale ottenuta al termine di una tappa corsa in modo impeccabile da parte di tutti i corridori#OrangeBlue.

LA VITTORIA DI EDUARD GROSU
Se la pioggia ha condizionato la tappa inaugurale del Tour of Croatia, certamente il forte vento è stato il protagonista della seconda frazione. 231km corsi con raffiche di vento che han portato gli organizzatori, al termine del GPM di Velebit, a neutralizzare la corsa per diversi chilometri. Nella prima parte di gara sono stati quattro i protagonisti che hanno intrapreso la fuga di giornata, costantemente controllata dal team #OrangeBlue e dagli altri team di classifica. Una serie di ventagli portano a frazionare il gruppo, che torna a ricompattarsi ai piedi dell’ultima asperità. La gara esplode proprio al termine di quest’ultima salita, quando, percorsa la discesa, si entra nel circuito di Zara. Un circuito tecnico e ricco di curve che esaltano le abilità del velocista Eduard Grosu, che, ai meno 800 metri dal traguardo, anticipa gli altri velocisti andando a prendersi la vittoria di tappa e la maglia di Leader del Tour of Croatia. Alle sue spalle Giacomo Nizzolo (Trek Segafredo) e Riccardo Minali (Astana Pro Team) rispettivamente in seconda e terza posizione. Buon quinto posto per Juan José Lobato, prezioso aiuto di Eduard Grosu nelle fasi finali di gara.

LE PAROLE DEL PROTAGONISTA
Promessa mantenuta per Eduard Grosu, che alla vigilia aveva dichiarato di vedere nella tappa di oggi l’occasione perfetta per il proprio riscatto. Lo ha fatto nel migliore dei modi, tagliando per primo il traguardo e conquistando la maglia Rossa di leader della classifica generale. Queste le parole con cui il velocista romeno descrive il successo appena ottenuto e ringrazia i propri compagni di squadra: “È stata una gara strana, condizionata fin da subito dal forte vento. Come avevo detto ieri, oggi volevo fare risultato, volevo ottenere a tutti i costo la vittoria. Ci sono riuscito grazie al lavoro di tutti i miei compagni, preziosi nel coprirmi dal vento in gran parte della gara. Il circuito finale di Zara lo conoscevo bene e non potevo farmi sorprendere. Quando mancavano 800 metri ho deciso di anticipare gli altri andando a tagliare per primo il traguardo. Non so come andrà la tappa di domani, ma per il momento mi godo questa vittoria importante per me e per il Team e la maglia Rossa di Leader”.
Anche Valerio Tebaldi, direttore sportivo in ammiraglia, non trattiene la gioia: “Eduard ha fatto una volata da vero campione con rabbia e la voglia di fare risultato. Abbiamo corso questa gara da grande squadra e la vittoria testimonia quanto di buono abbiamo fatto”.
Domani Eduard Grosu dovrà difendere la maglia di Leader della classifica generale in una tappa molto impegnativa di 134km con arrivo in salita. Il velocista romeno cercherà di onorare al meglio questa maglia, ottenuta con grinta e grande determinazione. Mentre in Croazia Eduard Grosu e i compagni #OrangeBlue punteranno a dare battaglia, in Italia l’altra parte del team correrà la quarta tappa del Tour of the Alps (Chiusa-Lienz, 134,4km).
Potrete seguire il live del doppio appuntamento su RaiSport ed Eurosport a partire dalle ore 14.00.

CLASSIFICA 2^TAPPA TOUR OF CROATIA
1 GROSU Eduard Michael Nippo – Vini Fantini – Europa Ovini
2 NIZZOLO Giacomo Trek – Segafredo
3 MINALI Riccardo Astana Pro Team
4 GIDICH Yevgeniy Astana Pro Team
5 LOBATO Juan José Nippo – Vini Fantini – Europa Ovini
6 RUMAC Josip Meridiana Kamen Team
7 MOHORIC Matej Bahrain Merida Pro Cycling Team
8 GUARDINI Andrea Bardiani – CSF
9 KUMP Marko CCC Sprandi Polkowice
10 ENGER Sondre Holst Israel Cycling Academy

DE ROSA AL VIA DEL GIRO D’ITALIA 800 752 Luca Barioglio

DE ROSA AL VIA DEL GIRO D’ITALIA

Tel Aviv. April 25, 2018.

De Rosa sarà al via del #GIRO101 con la Israel Cycling Academy, la formazione Professional di matrice Israeliana parteciperà per la prima volta nella storia al Giro d’Italia e per farlo ha scelto la tradizione delle bici Made in Italy.  Il Giro 101 sarà il primo “Grand Tour” nella storia a prendere il via al di fuori dei confini europei,a Gerusalemme. Il team Israel Cycling Academy ha oggi annunciato la formazione che vedrà al via anche due corridori Israeliani in una formazione composta da giovani talenti e alcuni elementi di esperienza.

La decisione di avere in partenza di un grande giro due giovani corridori Israeliani come Guy Sagiv (23) and Guy Niv (24) rappresenta una novice storica per un Grande Giro. 

Completeranno la formazione al Giro anche l’Italiano Kristian Sbaragli, l’australiano Zak Dempster, Il campione nazionale lettone Krists Neilands, il campione nazionale canadese Guillaume Boivin, il belga Ben Hermans, e lo spagnolo Ruben Plaza.

Plaza, il più titolato degli uomini in partenza, fresco vincitore della Vuelta a Castilla y Leon durante il week-end ha dichiarato: “Abbiamo un team incredibilmente motivato in vista della grande partenza di Gerusalemme. Scriveremo la storia di Israele e per tutti noi sarà una grande emozione. Non ho dubbi, sarà molto sfidante battagliare per la vittoria diana tappa, ma sono emozionato e onorato di poterci provare con questa squadra.”

Giro Roster.

Guillaume Boivin (28, Canada) is a two-time former Canadian national champion. A versatile sprinter, Guillaume is valuable in both breakaways and the leading out his teammates.

Zak Dempster (30, Australia) is a trusted road captain who can intuitively read a race situation.

Ben Hermans (31, Belgium) brings years of World Tour experience to the squad. He has already achieved a handful of top ten results so far in 2018.

Krists Neilands (23, Latvia) is an all-rounder who excels at climbing. The cycling world took note of Krists at Milano-Sanremo this year when he launched a late attack on the Poggio, to which only Vincenzo Nibali could respond.

Guy Niv (24, Israel) is a climber who also loves pushing the descents.

Ruben Plaza (38, Spain) is an experienced rider with wins in both the Tour de France and Vuelta a España. Most recently, he claimed the final stage and overall at the Vuelta a Castilla y León.

Guy Sagiv (23, Israel) is a dedicated teammate and an all-rounder.

Kristian Sbaragli (27, Italy) has a Vuelta a España stage win to his name so the sprinter to aim for another Grand Tour stage win.

Reserves

Edwin Avila (28, Colombia)

August Jensen (26, Norway)

CARBONIO IL MATERIALE DEL NUOVO MILLENNIO. 1024 683 Luca Barioglio

CARBONIO IL MATERIALE DEL NUOVO MILLENNIO.

Il nuovo millennio per De Rosa è iniziato all’insegna del Carbonio, la fibra ideale con cui perseguire la filosofia del brand De Rosa, il “one to one” e le biciclette su misura. Con i primi telai full carbon permettono una notevole riduzione del peso e la sezione del tubo sella aumenta a 35 mm. Per De Rosa il peso non è tutto, la modellazione del carbonio passa anche dalla costruzione di un telaio che dia stabilità e guidabili anche in discesa, oltre che leggerezza in salita.

Il carbonio è oggi il materiale da far evolvere, con il quale è più facile essere creativi e realizzare appieno il custom-made di De Rosa, pur senza abbandonare la tradizione del brand del cuore nelle lavorazioni degli altri nobili materiali più tradizionali quali acciaio, titanio e alluminio.

TITANIO: LA NOBILTÀ DELLA RESISTENZA. 1024 683 Luca Barioglio

TITANIO: LA NOBILTÀ DELLA RESISTENZA.

Conosciuto per la sua resistenza e per le sue proprietà meccaniche oltre che alla corrosione e per l’alto rapporto resistenza/ peso, richiede un’alta specializzazione per la sua lavorazione.

Per De Rosa racconta un’eccellenza trasmessa di generazione in generazione con passione e dedizione, che fanno di Nicholas De Rosa uno dei più giovani telaisti capaci di modellarlo al mondo. Tutte le biciclette in titanio De Rosa sono grado 9.

Bici De Rosa in Titanio: Solo, Treduecinque, Anima.

ACCIAIO: LA LEGA DELLA TENACIA. 1024 681 Luca Barioglio

ACCIAIO: LA LEGA DELLA TENACIA.

L’acciaio è l’elemento che ha caratterizzato la rivoluzione industriale per Ugo De Rosa nel 1953 significa l’inizio di una solida tradizione. La capacità di resistere alle deformazioni e la resistenza alla fatica rendono l’acciaio una materia prima che supera moda e tendenza. La metamorfosi, nel segno dell’innovazione, sta nelle congiunzioni lavorate a mano, nella saldatura fillet brazed, nella Tig.

L’acciaio delle Bici De Rosa è Acciaio italiano, per telai italiani e biciclette uniche figlie del cuore.

Bici De Rosa in Acciaio: Nuovo Classico, ÂGÈ, Corum, Neo Primato.

ALLUMINIO: LA LEGGEREZZA DELL’INTUIZIONE. 1024 683 Luca Barioglio

ALLUMINIO: LA LEGGEREZZA DELL’INTUIZIONE.

La sua leggerezza e la sua resistenza rappresentano la capacità di De Rosa di cogliere le nuove tendenze e farle proprie, con lungimiranza e capacità di rendere unico e nobile ogni prodotto.
L’alluminio è una intuizione di Ugo De Rosa che, nel 1997, ha colto l’importanza di questo metallo e ha dato l’input al reparto ricerca e sviluppo di Cusano Milanino per iniziare a produzione e affinare i telai in questo materiale.
Bici De Rosa in alluminio: Scandium, Pistarda,